Il Programma Triennale

Il programma di Ricerca in Artico si basa su una programmazione strategica ed economica triennale, con l’elaborazione di un Programma triennale (PRA) e di Programmi Annuali (PA).

Comitato Scientifico per l'Artico

Il Comitato Scientifico per l'Artico (CSA) ha il preciso compito di gestire il PRA. Il Comitato e' composto da 9 membri, e vede rappresentati oltre ai Ministeri competenti, 
MUR - Ministero della Universita' e Ricerca 
MAECI - Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, 

Bandi di ricerca

Bandi di ricerca pubblici emanati dal CNR costituiscono il principale strumento attraverso cui vengono utilizzate le risorse del PRA, a sostegno della ricerca italiana in Artico.

Italian Arctic Data Center (IADC)

La ricerca scientifica costituisce il principale vettore della presenza italiana in Artico.

Dottorato in scienze polari

La formazione di una nuova generazione di ricercatori polari è di cruciale importanza. Le sfide pressanti ed emergenti imposte dai cambiamenti globali in aree così vulnerabili del Pianeta richiedono una nuova generazione di scienziati, esperti e professionisti con una visione olistica del sistema ambientale e climatico delle aree polari. 

I Progetti Finanziati

In questa sezione e' riportata una lista completa dei progetti di ricerca finanziati dal PRA attraverso la partecipazione ai bandi di ricerca. Per ciascun progetto, è possibile reperire informazioni complete, sia pur sintetiche. Per chi è impegnato nelle attivita' PRA questa pagina offre accesso ai servizi di gestione delle proposte di ricerca.

Infrastrutture di ricerca

Card image cap

Dirigibile italia

La stazione italiana Dirigibile Italia è un centro di ricerca multidisciplinare situato a Ny Alesund, nelle Isole Svalbard. La base è operativa dal 1997 ed è stata intitolata al Dirigibile Italia di Umberto Nobile in ricordo della sua spedizione nel 1928.

Card image cap

Thule High Arctic Atmospheric Observatory (THAOO)

Il Thule High Arctic Atmospheric Observatory (THAOO) è un osservatorio internazionale permanente, attivo dal 1990 e gestito dalla National Science Foundatio

Card image cap

Laura Bassi

La N/R Laura Bassi è una nave oceanografica polivalente, che combina una rilevante capacità di ricerca scientifica ad un notevole potenziale di trasporto di materiali e persone. Intitolata alla scienziata italiana che nel 1700 divenne la prima donna al mondo ad ottenere una cattedra universitaria, Laura Bassi, la nave misura 80 metri in lunghezza con una stazza di 4028 tonnellate.

Card image cap

Stazioni di monitoraggio ionosferico

L’Italia (tramite l’INGV) gestisce ed opera altri due ricevitori GNSS per il monitoraggio ionosferico, simili a quello ospitato nella base “Dirigibile Italia”: il primo si trova presso la stazione del Mapping Norwegian Autorithy a Ny Alesund, mentre il secondo nei pressi di Longyearbyen, ad Advantalen, ospitato dall’Università di Tromso.

Card image cap

Osservatorio Marino

Le circolazione oceanica nello Stretto di Fram è fortemente influenzata sia dall'interazione tra le acque di origine Atlantica (che muovono verso nord) e quelle di origine Artica (che muovono verso sud) oltre che dalla presenza e formazione invernale di ghiaccio marino e dai forzanti atmosferici.

Attività Internazionale

Arctic science ministerial

Nel 2016 gli Stati Uniti hanno organizzato a Washington la prima riunione di livello ministeriale dei responsabili della scienza, dedicata specificamente all’Artico. L’Arctic Science Ministerial (ASM) ha avuto poi altri due incontri, a Berlino nel 2018 ed a Tokyo nel 2021 (la prossima edizione è prevista a Parigi nel 2023).

Infrastrutture di Ricerca

L’Italia partecipa a numerose iniziative che mirano ad un migliore coordinamento delle attività di osservazione e/o al potenziamento delle infrastrutture di ricerca, tra cui si segnalano:

Arctic council

Il Consiglio Artico è il principale foro intergovernativo regionale, creato nel 1996 con la Dichiarazione di Ottawa e composto dagli otto Stati artici (Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Svezia e Stati Uniti).

Lo scenario

L’attività di ricerca è pienamente integrata nel più ampio quadro dell’impegno italiano in Artico e ne costituisce pilastro essenziale. Come indicato nel documento “Verso una strategia italiana per l’Artico – linee guida nazionali”, le direttrici strategiche della ricerca italiana in Artico comprendono:

Catalogo Metadati

Catalogo Metadati IADC

Un metadato è un tipo di informazione che consente di (i) verificare la disponibilità, (ii) conoscere le principali caratteristiche e (iii) raggiungere il dato a cui si è interessati.

Catalogo Dati

Data Center IADC

Da questa pagina è possibile acceder direttamente alla lista dei dataset che sono catalogati nel sistema IADC e poter avere informazioni di dettaglio sui parametri in essi contenuti e altre informazioni utili allo sfruttamento dei dati raccolti in IADC.

DIVULGAZIONE

 

SOCIAL

News

BANDO PRA INFRA 2024

BANDO PRA INFRA 2024 - Disciplina delle procedure per la presentazione di proposte per il potenziamento delle infrastrutture di ricerca in Artico.

The 15th Symposium on Polar Science, 3-5 December, Tokyo

The 15th Symposium on Polar Science hosted by the National Institute of Polar Research (NIPR), Tokyo, Japan, will be held from 3 to 5 December 2024.

Cryo2Ice Symposium, 23-27 September 2024 Reykjavik, Iceland

The Cryo2Ice Symposium focuses on work that makes use of CryoSat-2 or ICESat-2 or a combination of both satellites.

SIOS Access Call 2024 e SIOS Optimisation Call 2024

SIOS Svalbard Integrated Arctic Earth Observing System ha lanciato due call per il finanziamento di progetti  scientifici in Artico (https://www.sios-svalbard.org/Cal

Comitato Scientifico per l'Artico